15 agosto 2011

Sarchiaponi e sarchiaponi


Nota Bene: nel corso del post, tutte le buzzword come "buonismo", "federalismo", "giudici comunisti", "capitale assassino", "stato imperialista delle multinazionali", verranno sostituite dal termine "sarchiapone", per risparmiare tempo e senza nulla togliere alla comprensibilità o al contenuto informativo del testo.

Nei commenti al post precendete sono state dette un paio di cose interessanti, se non altro perchè spiegano quanto l'abitudine italiana a fare di tutto una questione da curva nord/curva sud abbia falsato la descrizione dei disordini di Londra (attenzione: in questo post non intendo menzionare Valentino Rossi o Sabina Guzzanti passato questo punto; Rossi perchè, insomma, a quel punto dovrei anche commentare quel che pensa dei disordini il geranio che ho in giardino; la Guzzanti perchè ha dato un'interpretazione da curva nord e curva sud della faccenda che oltre a non spiegare nulla, dice molto dei limiti che molti "intellettuali" italiani hanno ormai a leggere la realtà che li circonda; e per quello ci vorrebbe un post a parte, magari fatto da qualcuno che in Italia ci vive e ha più di me il polso della situazione).

Diceva l'inappropriatamente nominatosi "Cagone":

Veramente anche io ho sentito la stessa storia [che è tutta colpa del sarchiapone, NdE] da più fonti, non solo dai pazzi nazistoidi del Dailymail. Molti si lamentano di una riforma ultragarantista della giustizia che l'ha castrata completamente, anche se non al livello italiano. In particolare, sembra che basta sia possibile dimostrare un'infanzia difficile o una condizione sociale disagiata per uscirtene pulito da quasi qualunque reato. Per molti reati il massimo della pena è un ASBO.


Confermeresti, o sono balle? E, in caso, a chi imputeresti questa riforma? Blair?

La colpa, sia di questa riforma, sia di altre forme di sarchiapone, è in realtà perfettamente bipartisan: è, per usare una frase fatta, colpa della società, ma sul serio.

Onestamente, se qualcuno avesse voluto coniare un motto per questi disordini, non avrebbe potuto far meglio che citare la cara vecchia Maggie: There is no such thing as society. Le premesse ideologiche dei saccheggiatori non andavano molto più in là di questa semplice frase: non esiste una cosa chiamata "società", non esistono le comunità locali, non esiste nulla che non sia io, i miei amici o compagni di gang e il nostro inalienabile diritto ad avere roba. Giovanni Verga questi qui li avrebbe capiti fin troppo bene.

Di chi è la colpa? Di tutti, ma davvero, non come scusa per non dare la colpa a nessuno alla fine.

Ci sono posti, a Londra e nella cintura suburbana, in cui nessun membro di intere famiglie ha mai lavorato dal 1980. Ci sono ragazzi cresciuti senza aver mai avuto l'esperienza quotidiana di vedere qualcuno uscire di casa e andare a guadagnarsi da mangiare. E, prima che qualcuno salti su con l'ovvio commento, no, non è colpa del sarchiapone. Ho citato il 1980 proprio per questo, perchè non è stato un governo laburista e sarchiapone a mettere un'intera generazione in case popolari con l'affitto pagato dal comune, e a passar loro l'equivalente mensile dell'elargizione di grano alla plebe nella Roma imperiale (anche lì esattamente per lo stesso scopo: tener buono il lumpenproletariat mentre le persone importanti decidevano delle cose serie).

Dice, ma ci sono decine, forse centinaia di migliaia di falsi invalidi in questo Paese, gente che adesso ha quarant'anni e non ha mai lavorato e ha preso una pensione di invalidità a cui non ha diritto e i cui figli prendono il sussidio e non hanno mai avuto la minima idea di cosa significhi far parte di una società in cui ognuno lavora anche a beneficio degli altri, il complesso sistema di relazioni di interdipendenza che chiamiamo "comunità".

Certo, è innegabile. Questa gente, di nuovo negli anni '80, è uscita da scuola o dall'università senza alcuna prospettiva di trovare effettivamente un lavoro, e al JobCentre gli è stato detto che se si sentivano depressi, se quella mattina zoppicavano un po' perchè s'erano fatti male alla caviglia scendendo le scale, se avevano un'allergia cronica, se un milione di altre cose, magari andavano a farsi fare una visita medica e poi potevano richiedere una pensione di invalidità e almeno avere il pane assicurato - e questo succedeva perchè il governo (di nuovo, non un governo particolarmente sarchiapone) premeva sui JobCentre per mettere quanta più gente possibile fuori dalla popolazione produttiva e ridurre i numeri della disoccupazione, che faceva piacere al FMI e agli investitori stranieri in titoli di stato.

Purtroppo, il problema messo alla luce da questi disordini è un problema strutturale che non può essere risolto semplicemente votando per l'altro partito: ogni singola possibile causa degli eventi di questi giorni trova sostenitori e colpevoli in tutte le parti dello schieramento.

I sarchiaponi amministrano male la giustizia

Non c'è stata, in questi anni, alcuna vera riforma della giustizia. Sono state emesse dai vari governi, a più riprese, linee guida che i giudici hanno recepito con più o meno entusiasmo.

È vero che in questo Paese è molto difficile finire in galera. È vero che un ASBO è il massimo che può capitare alle famiglie ormai ferali che passano il proprio tempo a terrorizzare il vicinato. Per 13 anni i sarchiaponi Labour ci hanno detto che la galera non risolve nulla, che se metti in galera un teppistello quindicenne ne viene fuori un incallito delinquente sedicenne, che gli esperti dell'ONU hanno detto che i ragazzini che ti danno fuoco alla macchina, magari col cane dentro, lo fanno perchè non capiscono quanto dolore ti causano e quindi invece di metterli in galera bisogna dargli uno youth court referral, in base al quale per sei mesi dovranno presentarsi regolarmente davanti ad un panel di esperti per sentirsi spiegare dalla vittima quanto ha sofferto quando gli hanno fracassato le ginocchia con un martello (questo esempio, per chi se lo stesse chiedendo, non è inventato).

Tragicamente, però, se il sarchiapone laburista ha dato il via al problema, il successivo governo Tory non ha fatto nulla per modificare la rotta, anzi semmai (col famoso "hug a hoodie" di Cameron) ha aumentato la velocità.

Come mai, si chiederanno i miei tre lettori, un partito evidentemente non-sarchiapone come i Tories non ha fatto nulla per correggere questo andamento? Il motivo sta nel fatto che questi non sono gli Old Tories di Maggie Thatcher e John Major (che già quelli... ma non divaghiamo); questi sono nuovi Tories che parlano di libertà e intendono libertarian, sono nuovi Tories che parlano di Big Society per non dire che vogliono tagliare interi pezzi dello Stato. Sono Tories perfettamente coscienti di un fatto: le prigioni costano, e mettere in galera il diciottenne che estorce soldi ai vicini con la minaccia di dar fuoco alla loro auto significa, prima o poi, dover costruire nuove prigioni, assumere altro staff, pagare l'intero meccanismo di gestione di un nuovo carcerato. Molto meglio dargli 20 ore di community service, fargli raccogliere foglie secche nel parco sotto la supervisione di un impiegato del comune e scordarsi di lui.

E se poi, obietterete voi, improvvisamente sarchiaponizzati, quello ci rifà? E se lentamente legge e ordine collassano quando i delinquenti capiscono che possono fare quel che gli pare senza ritorsioni? Ah, viene in vostro soccorso l'inossidabile Cicciobello Cameron: è a quello che serve la Big Society, dopotutto. Se la scuola di vostro figlio lascia a desiderare perchè abbiamo tagliato i fondi, chiuso le scuole selettive, impedito che gli insegnanti avessero alcun mezzo per mantenere la disciplina, abolito le bocciature, semplificato i programmi perchè le parti difficili da capire causano divisioni nelle classi e alla lunga nella società, e minacciato di ritorsioni le scuole con un'offerta didattica superiore alla media (European Baccalaureate), vi riconosciamo comunque il diritto di associarvi fra genitori ed aprire una scuola tutta vostra, di livello qualitativo giudicato insindacabilmente solo da voi: la miglior istruzione che il vostro denaro possa comprare. Allo stesso modo, se la polizia non vi protegge e i criminali non temono l'apparato giudiziario, nessuno vi impedisce di unirvi in un'associazione e pagare una quota ciascuno per assumere sicurezza privata che difenda la vostra proprietà dai razziatori - come hanno fatto alcuni negozianti di Birmingham, il cui spirito di iniziativa è stato non a caso lodato da diversi membri del governo, in contrasto con quelli che sono rimasti passivamente ad aspettare l'intervento della polizia.

Alla lunga, la Big Societỳ di David Cameron non è che un modo politically correct per dire che ognuno ha diritto ai servizi pubblici che può comprarsi: non è veramente una Big Society ma tante Small Societies, possibilmente circondate da filo spinato e con perimetri pattugliati da guardie rigorosamente private. In una nazione in cui non pochi idioti hanno pensato che Snow Crash fosse un romanzo utopistico, poteva anche funzionare.

Il nuovo vento libertarian non ha causato da solo questi disordini, come non l'ha fatto il sarchiapone laburista: ma nessuno può negare che le radici degli eventi degli ultimi giorni affondino in politiche che sono arrivate da ambo le parti.

La polizia è sarchiapona

È vero che ci sono parlamentari il cui seggio sicuro in Parlamento dipende dal benvolere di elettori in quartieri come Tottenham, e che il modo migliore per mantenere sicuro il proprio seggio è accusare la polizia di razzismo ogni volta che arresta un ragazzo nero, indipendentemente dal fatto che magari questi avesse appena accoltellato un passante o trasportasse un chilo di cocaina nello zainetto (Diane Abbott, dico a te). È vero che nel corso degli ultimi 11 anni la capacità dei poliziotti di intervenire per prevenire crimini o proteggere i cittadini è stato costantemente eroso. È anche vero, però, che ancora questa erosione è avvenuta in maniera bipartisan: perchè fino al 2010 le accuse alla polizia di "eccessiva ingerenza" sono venute dai banchi dei Tories. È difficile belare che l'inefficienza della polizia dei giorni passati è "colpa dei sarchiaponi" quando questo primo ministro ha mosso mari e monti per sostituire gli alti gradi della Met con persone di sua nomina, spingendosi in qualche caso ad alimentare campagne di stampa volte a costringere alle dimissioni il capo della polizia. Se poi è saltato fuori che invece di preoccuparsi di cambiare le linee guida e le politiche della Met si è concentrato sul mettere nella stanza dei bottoni una sfilza di poliziotti a libro paga di Rupert Murdoch, adesso avrà bisogno di una bella dose di faccia di tolla per dare la colpa al passato governo di tutte le mancanze della Met. Il tempo per cambiare le cose, lo dicono i fatti, l'ha avuto: se l'unica cosa che ha cambiato è stata il livello di asservimento della Met a Rupert Murdoch, ha un bel dare la colpa ai sarchiaponi.

Quando Ian Tomlinson è morto, ancora, il clamore per mandare in galera il poliziotto che ha fatto niente altro che il proprio mestiere è stato interamente bipartisan: dai media, perchè l'ostilità alla polizia è genetica (e anche perchè quel poliziotto era stato maleducato con un giornalista poco prima, cosa che la BBC non ha mancato di elencare fra le sue colpe); dai laburisti, perchè una grossa corrente anti-blairiana vedeva nelle manifestazioni no-global e nelle future, previste proteste di piazza contro il governo una base di rilancio per l'opposizione, e voleva preparare il terreno; e dai Tories perchè la polizia, dopotutto, è un apparato dello stato e come tale un'entità ostile da sfrondare per quanto possibile. E quando il poliziotto è debitamente andato sotto processo per omicidio, i suoi colleghi hanno recepito alla perfezione il messaggio - messaggio lanciato, in primis, da un governo Tory - e si sono adeguati, come si è visto durante i disordini. Solo un idiota metterebbe a rischio la propria incolumità per poi essere ricompensato con accuse a pioggia da tutte le parti politiche. La Met ha delle linee guida, riviste ed approvate da ogni successivo segretario agli interni; ci si è attenuta alla lettera, alla luce sia delle critiche al kettling durante le proteste studentesche di quest'inverno, sia della morte di Ian Tomlinson e della burrasca politica che ne è seguita. Lo scontro fisico con i razziatori o con chi cercasse di superare le barriere poteva portare ad accuse penali di violenze e persino omicidio se qualcuno fosse morto e non fosse stato possibile provare incontrovertibilmente l'estraneità dello scontro fisico stesso alle cause di morte; il kettling, il contenimento passivo, era ugualmente aperto ad accuse di violazione dei diritti umani nel caso qualche scudo umano si fosse più o meno volontariamente mescolato ai razziatori, o almeno se non fosse stato possibile dimostrare, di nuovo, incontrovertibilmente che tutti quelli che si trovavano nell'area di contenimento erano razziatori. E queste accuse, è il caso di ripeterlo, non venivano solo dai sarchiaponi ma anche dai sarchiaponi. Perfettamente bipartisan.

There is no such thing as society

Uno dei problemi gravi portati alla luce dai disordini londinesi è l'esistenza di una larga fetta della popolazione che si sente interamente staccata dalla società, non riconosce alcun valore a quella che chiamiamo convenzionalmente "convivenza civile" e trova risibile l'idea di sentire solidarietà con esseri umani estranei al proprio clan/famiglia estesa/gang. Sono sicuro che i teppistelli di Croydon e Tottenham che saccheggiavano negozi di cellulari sarebbero orripilati all'idea di essere definiti thatcheriani perfetti, ma in effetti si potrebbe argomentare con qualche successo che operavano seguendo alla lettera il motto della Lady di Ferro: non esiste società, non esiste una rete di obblighi che lega le persone intorno ad un'idea di coesistenza civile, esiste solo il proprio ristrettissimo interesse personale che a volte coincide con quello di altre persone, che si ritrovano quindi a remare nella stessa direzione. Certo, Maggie pensava a palazzinari nei Docklands e persone che volevano comprare una casa da ricchi relativamente a poco, non ad adolescenti di Tottenham che volevano saccheggiare un negozio di elettronica; ma i principi sono gli stessi, e le "regole" non sono altro che pastoie che impediscono il progresso dell'individuo: io ho il diritto di fare tutto quello che non mi viene fisicamente impedito. E anche se mi viene fisicamente impedito, posso sempre riprovare con un piede di porco più grosso.

Il problema è che, anche qui, le colpe non stanno veramente da una sola parte. Certo, there is no such thing as society è un motto thatcheriano; ma multiculturalismo è una parola d'ordine progressista, e nella sua interpretazione forte dice che, guarda un po', la società non esiste e per giunta l'individuo non è soggetto di diritti se non nella misura in cui il suo raggruppamento etno-culturale glieli riconosce. L'idea di un unico tessuto sociale, di un crogiolo di culture, è a quanto pare razzista e prevaricatore; un ragazzo nero di Tottenham o un bengalese di Tower Hamlets non solo non ha nulla a che spartire con un ragazzo inglese di Crouch End, ma gli viene insegnato che è giusto, morale, auspicabile persino, che sia così. Alla lunga, l'idea che non esista una società ma un mosaico di culture, gruppi etnici, clan, che l'altro da sè sia estraneo e probabilmente ostile diventa parte della dialettica quotidiana e distrugge ogni possibilità di convivenza.

È colpa dei sarchiaponi, allora? Sì, ma anche dei sarchiaponi: perchè l'idea, anche qui, ha radici lontane. Furono i Tories nei tardi anni '80/primi anni '90 a decidere che la vita sarebbe stata molto più facile se la comunità musulmana, con i suoi attivisti antirazzisti, con l'impegno politico, con le proteste per scuole migliori e pari opportunità, venisse convinta ad escludersi dal processo democratico. Fu Major a decidere che i bianchi avevano i loro rappresentanti eletti in parlamento, i musulmani di Pakistan e Bangladesh invece avevano un congresso di "rappresentanti" non eletti ma autonominatisi o scelti dalle moschee, il Muslim Council of Britain, che diventò l'interlocutore privilegiato del governo per tutte le questioni riguardanti la "loro" comunità. Improvvisamente per un musulmano di Tower Hamlets o Bradford la rappresentanza non passava più per la cabina elettorale ma per la moschea, e non era una rappresentanza voluta e soggetta ad un contratto preciso - tu mi rappresenti, io voto per te; tu non mi rappresenti adeguatamente, io voto per qualcun altro - ma strettamente clientelare: il "rappresentante" non doveva la propria posizione ai rappresentati, i quali invece avevano bisogno di lui come portavoce di ogni singola istanza. Poi nel '97 arrivarono i sarchiaponi, appiopparono a questo sistema corleonese il nome di "multiculturalismo" e tutti fecero festa. E la società continuò a smettere di esistere.

Il problema non si risolve così

Qualcuno nei commenti, l'altro giorno, ha osservato (con ragione) che quando gente di ogni estrazione sociale si incontra in strada per spaccare tutto, quando la figlia di un milionario va a saccheggiare negozi, quando una modella che si era offerta volontaria per fare l' "ambasciatrice dei giovani" alle Olimpiadi viene arrestata per essersi fregata un televisore da un negozio (e, a detta della madre, ne aveva uno migliore in camera), allora hai un problema sociale; e la repressione poliziesca non è la soluzione.

In prima battuta, si potrebbe obiettare che sebbene non sia la soluzione, senza una presenza massiccia della polizia per far terminare l'emergenza dei disordini, qualunque altra soluzione è inapplicabile. Un po' come dire che sì, certo, il problema della mafia è sociale e non lo si risolve con la polizia, ma sospetto che ritirare tutte le forze di polizia dalla Sicilia non sarebbe una mossa vincente. Il fatto è che in questo caso credo che una maggiore e costante presenza della polizia sarebbe parte della soluzione; perchè il fatto che la polizia sia effettivamente assente da vaste aree di quartieri come Tottenham ed Enfield (per evitare di "irritare la comunità", pena commissioni parlamentari di inchiesta e sospensioni dal servizio) lascia il territorio in mano alle gang; ed offre ad intere generazioni di ragazzi il tipo di lezione che nessuno vuole che ricevano - che lo stato non esiste, che la società non esiste, che il mondo è diviso in aggressori e aggrediti. Lascia loro le gang come unico modello di riferimento - e le conseguenze sono diventate spettacolarmente ovvie negli ultimi giorni.

Poi io non sono esattamente un esperto di ingegneria sociale, e se avessi la soluzione a questo problema starei lì a fare il consulente per Cicciobello Cameron a 10 volte quel che guadagno adesso (anche se, nei miei momenti più neri, ho il sospetto che gente come Cicciobello la soluzione non la applicherebbe neanche se ce l'avesse fra le mani, perchè questo stato di cose tutto sommato gli torna comodo; ma so di essere paranoico, che è il primo passo sulla strada della guarigione); e scopo di questo post non era delineare una soluzione ma semmai chiarire quelli che penso siano i problemi, e magari anche puntare il dito verso i colpevoli, i.e. la maggior parte dei residenti delle isole britanniche.

12 commenti:

Eugenio Mastroviti ha detto...

OK, tecnicamente il weekend è finito da oltre un'ora e quindi sono un quaqquaraqquà.

Però invoco le attenuanti generiche, ho cominciato a lavorare stamattina alle 10 e ho finito mezz'ora fa, quindi non mi rompete troppo i cabbasisi

Augusto ha detto...

DISCIPLINA
I sarchiaponi ingleni, come gli altri europei, hanno abbandonato il concetto di ordine e disciplina.
Del resto lo ha fatto anche una gran parte dei genitori. Scuse: troppo lavoro, troppi impegni, lasciare al piccolo la "autodeterminazione" e altre simili balle.
Questi i risultati.
Difficile tornare indietro, se non con anni, decenni, di controllo ed addestramento. Non prima di aver eliminato tutte le leggi e cazzate sarchiaponiche.
O mandare tutti in visita obbligatoria decennale in Cina.

Manuel Garcia O'Kelly ha detto...

Splendido post, e ce ne fossero di quaqquaraquà così!

Carmine ha detto...

Bentornato Eugenio, ci voleva la guerra nel Londonistan per leggere ancora qualcosa di tuo...

Io la farei breve sulle cause di questo immane disastro:
la violenza urbana da tempo a Londra mi pare fuori controllo.
Il perverso mix tra la "Children Protection Act" voluto da Blair per proteggere gli under 16 dal falso problema pedofilia (ricordo un tuo divertentissimo post sulle 10 cose che odi di Londra.. il Chelsea tank..), che ha invece creato il problema di una "classe di intoccabili", l'immigrazione poco controllata da alcuni paese africani Ghana e Sudan in particolare, e l'inconsistenza della famiglia e la conseguente atomizzazione della società, ha prodotto il fenomeno delle onnipresenti "baby gang" che si intrattengono in un simpatico gioco di gruppo che consiste nell'andare a zonzo gratis sui mezzi pubblici ad accoltellare gente "a random" per il puro gusto di farlo, perchè come dicevi tu questi non riescono a tenere a freno l'impulso e passano direttamente al gesto.
Si è passati quindi alla vera e propria guerriglia urbana con un pretesto.

Cagone ha detto...

Complimenti per la risposta estremamente corretta e articolata. Quindi la situazione è di tipo italico: ci hanno iniziato a mangiare sopra i sarchiaponi I, ma i sarchiaponi II hanno fatto la stessa cosa quando hanno potuto... Orribile...

Ho letto da qualche parte che questo è il risultato dei "latchkey kids" degli anni 80. Fino agli anni '70 le persone avevano una vaga idea di come crescere i figli, a volte decisamente sbagliata. Dagli anni '80 i genitori hanno piazzato i figli davanti alla TV e ai videogiochi e li hanno fatti crescere come animali selvaggi senza la minima cultura o educazione. Il risultato è un branco di "feral rats"!

Yossarian ha detto...

Spettacolare Eugenio, Mi e' sembrato doveroso citarti nel mio post.


Quanto alle politiche famigliari e al modo di crescere i figli, la "mancanza di disciplina" e l'assenza della famiglia puo' valere nel caso degli inglesi, ma non si applica nel caso di altre comunita', ad esempio quella islamica, indiana o africana, dove i legami familiari sono ancora saldi e le famiglie, strutturate secondo valori decisamente tradizionali, un po' come le nostre: il che non mi sembra necessariamente un male.

Il problema, specie nel caso delle minoranze etniche, diventa quello delle aspettative fra quello che i giovani vedono in casa e quello che vedono fuori di casa: ad esempio un ragazzo musulmano cresciuto in una famiglia tradizionalista bengalese dove l'uomo e' "il re della foresta" quando va a lavorare fuori e si trova un capo donna che gli da' ordini sclera.

Spesso questi ragazzi si uniscono alle gang, perche' queste sono paradossalmente piu' in sintonia con il tessuto sociale circostante delle famiglie con valori tradizionali, o senza alcun valore tradizionale.

E in piu' si sentono rispettati e temuti: si sentono qualcuno in un periodo quello dell'adolescenza dove devi ancora scoprire chi cazzo sei e cosa cazzo vuoi dalla vita.


Come sempre e purtroppo le gang danno una risposta migliore sia dei valori "tradizionali", sia delle famiglie dove questi valori sono assenti e li si lascia davanti alla tv.

Noi italiani dovremmo saperle bene queste cose quando si parla di gang: basta guardare Goodfellas e la storia della comunita' italo-americana per capire come il "bravo ragazzo" diventa un gangster.

In una gang sei qualcuno: a fare il cassiere di un supermercato non sei nessuno.

A questo tipo di problematiche i laburisti hanno risposto lavandosene le mani in nome della "cultura tradizionale", e i conservatori cianciando di scemenze sulla Big Society libertaria.

Mike ha detto...

La cosa che mi ha stupito e` stata poi l'idea di Cameron di bloccare i siti di social networking come un Mubarak qualunque. Dal punta di vista della politica estera e` una cosa assolutamente senza senso, in quanto permette ai vari despoti asiatici di avere una giustificazione per fare lo stesso nel caso di disordini.
Inoltre esistono anche questi oggetti di libera vendita, appositamente penati per gli utonti:

http://www.delcom-radio.com/kenwood-tk-3301t-licence-free-radio-with-16-channels.html

Si trovano anche cinesate ad un sesto del prezzo, ma che fino a quando funzionano vanno benino per tenersi in contatto.

Oltre a questo ci sono molti altri metodi 0.1 per permettere alle persone di rimanere in contatto, ed in ogni caso se non risolvi le cause del problema ma cerchi di curare solo i sintomi la situazion non puo` che peggiorare.

Augusto ha detto...

@Yoss
scrivi: "A questo tipo di problematiche i laburisti hanno risposto lavandosene le mani in nome della "cultura tradizionale", e i conservatori cianciando di scemenze sulla Big Society libertaria."
Quindi la (unica) soluzione é quella che accennavo prima: sberle; fisiche o morali, come piú sia necessario.
Temo che sará una cura lunga e difficile.
Temo anche che i "libertarian" fondamentalisti e gli opliti del bene di casa nostra non sapranno trarre dai fatti le conseguenti istruzioni e, quindi, potremmo cadere anche noi nello stesso burrone.
Vedi la buona Sabina, tanto per citare il tuo bel post.

Cagone ha detto...

Come vanno le cose, Eugenio? Che fine hai fatto?

Eugenio Mastroviti ha detto...

Per chi se lo stesse chiedendo: sono ancora vivo e complessivamente compos mentis, ma oberato di lavoro. Prometto di ricominciare a scrivere ASAP

Anonimo ha detto...

Dove sei finito ?

Cagone ha detto...

Eugenio, che fine hai fatto? Ci manchi!