28 febbraio 2010

Oi Dialogoi (versione a qualcuno piace caldo)


...o almeno globalmente riscaldato.

Giorno 1:

Paziente: "Allora, dottore?"

Dottore: "Mi spiace, ma temo di non avere buone notizie. Come temevamo, e come le avevo anticipato, é cancro ai polmoni... no, metta via la sigaretta, non mi sembra il momento, e poi in ospedale é vietato fumare. La prima cosa da fare, in effetti, sarebbe smettere completamente."

P: "Cancro?"

D: "Temo di sì. Adesso non voglio sovraccaricarla di informazioni, ma é importante tenere a mente che l'abbiamo identificato nella sua fase iniziale e che ci sono diverse opzioni terapeutiche aperte, che ci danno ottime probabilità di..."

P: "Che tipo di cancro?"

D: "Scusi?"

P: "Voglio dire, é un epitelioma spinocellulare? Un adenocarcinoma? Forse un carcinoma bronchiale a piccole cellule?"

D: "Mah, é praticamente impossibile dirlo senza una biopsia, per ora credo convenga concentrarci su..."

P: "Ma come, mi diagnostica un cancro, mi comincia già a parlare di terapie e non mi sa dire neanche di che cancro si tratta? Mi scusi ma non mi sembra molto professionale. Quali indicazioni ha che si tratti veramente di cancro?"

D: "Ma le radiografie, i marker, le analisi del sangue...."

P: "Tutti metodi, lei che é uomo di scienza me lo insegna, soggetti ad errore, no? Non crede che prima di impormi cure dolorose e pericolose per la mia salute, oltre che distruttive per il mio stile di vita, dovrebbe almeno avere la certezza che di cancro si tratta?"

D: "Mah, veramente credo che la cosa importante sarebbe per lei cominciare ad affrontare la cosa...."

P: "Affronterò la cosa quando avrò la certezza che lei non sta distruggendo la mia vita a vuoto come succede a quel 3 per cento di falsi positivi che ogni anno si sentono diagnosticare il cancro senza avercelo"

D: "Vabbe', guardi, che ne dice se lunedì mattina facciamo una biopsia e ci leviamo il dubbio?"

P: "Lunedì é impossibile, ho molto da lavorare, vuole anche distruggere la mia carriera e le mie prospettive economiche con queste storielle di cancro e malattie mortali?"

D: "Martedì? Mercoledì?"

P: "Le farò sapere"

D: "Ma almeno smetta di fumare!"

P: "Neanche per sogno, mi sembra assurda questa sua pretesa di alterare radicalmente il mio stile di vita in nome di una minaccia che mi sembra francamente molto fumosa. Arrivederla"


Giorno 8:

D: "Allora come va?"

P: "Benissimo, mi sento in condizioni perfette"

D: "Bene, un atteggiamento positivo é molto importante nell'affrontare questo tipo di malattia"

P: "Ecco, quale tipo di malattia, esattamente?"

D: "Un cancro, di cosa credeva che stessimo parlando?"

P: "Ecco, proprio lì la volevo, dottore, mi sono informato, ed ho scoperto che esiste un vasto movimento di opinione di persone che sono scettiche sulla idea stessa di cancro"

D: "...uh?"

P: "Certo. Lo sa che esiste chi sostiene che il cancro non esiste e si tratta di semplici infezioni da funghi? Che alcuni sostengono che il cancro é un fenomeno perfettamente naturale e sono i chemioterapici ad uccidere il paziente? Lo sa che i Maya e gli Aztechi non avevano cancro? Che non si conosce un solo caso di uomo di Neanderthal morto di cancro?"

D: "Ma non avevano medici per diagnosticarlo, erano..."

P: "Ecco, proprio lì la volevo: non le sembra strano che a diagnosticare il cancro siano sempre e solo medici, ovverosia le persone che più hanno da guadagnare, in finanziamenti pubblici e prestigio, da questa fantomatica 'minaccia cancro'?"

D: "Ma scusi, chi dovrebbe diagnosticarlo, un geometra?"

P: "Non é questo il punto, a diagnosticarlo dovrebbero essere persone che non hanno interesse a che il cancro esista, nella realtà o nella psiche collettiva. E invece a diagnosticarlo sono sempre questi 'ricercatori' di questi istituti 'oncologici', e a parlarne sono sempre 'sti maledetti crociati delle campagne contro il fumo, che hanno la loro agenda, i loro obiettivi nascosti che nulla hanno a che vedere col cancro e che mirano semplicemente a imporre a tutta la società la criminalizzazione delle sigarette e dei fumatori"

D: "Si, ok, tutto quello che vuole, ma lei continua ad avere una massa nei polmoni e a sputare sangue ogni mattina quando si alza, e fuma due pacchetti di sigarette al giorno"

P: "Ecco, proprio quella, la sua famosa 'massa' che ha dei contorni così sfocati, mentre un tumore dovrebbe essere una massa compatta e sostanzialmente diversa dai tessuti circostanti... Come é possibile?"

D: "Beh, questo dipende dalla radiografia, non può aspettarsi che sia precisa come un disegno. Se vogliamo, vede qui, anche le ossa sono leggermente sfocate ai bordi...."

P: "Ecco, e questo non significa forse che una radiografia é un sistema di gran lunga troppo rudimentale e impreciso per diagnosticare qualcosa di importante come un cancro? Mi sembra che alla fine tutto quello che lei ha in mano sia una serie di assunzioni poco giustificate ed un sacco di propaganda della lobby antifumo"

D: (sospiro) "Va bene... facciamo una TAC? Una risonanza magnetica?"

P: "Tutt'e due, magari, chissà che stavolta non riusciamo a trovare qualcosa di convincente per sostenere le sue teorie..."


Giorno 22:

D: "Dunque, queste sono le lastre della TAC e queste della risonanza magnetica...."

P: "Andiamo sempre peggio, dottore."

D: "Oh, mi spiace sentirlo, ma se rifiuta ogni tipo di terapia e continua a fumare due pacchetti al giorno..."

P: "No, dico, andiamo sempre peggio con la sua teoria del 'cancro'. Io qui non vedo nulla di definitivo, le immagini sono assolutamente incomprensibili per me"

D: "Sì, sono difficili da interpretare..."

P: "Interpretare? Aha! Ci risiamo! Ogni volta che lei sostiene di avere delle prove inconfutabili in mano ci riduciamo a dover 'interpretare' delle cose fumose ed incomprensibili, ogni volta voi dottori vi arrogate il privilegio di fare diagnosi in base ad elementi che solo voi sostenete di capire, ovviamente col sostegno della lobby antifumo e dei miliardi che riuscite ad estorcere ad un pubblico troppo credulone! Mi spiace ma io non ci sto a prestarmi al vostro gioco, arrivederci!"


Giorno 45:

D: "Ah, salve, non pensavo di vederla più, si é finalmente convinto che qualcosa non va?"

P: (agitando una risma di fogli) "Proprio lei! Stavolta la ho in pugno, caro dottore, lei e tutta la lobby cancrista/antifumo! Sa cosa sono questi?"

D: "Uh... no"

P: "Sono i fogli su cui ho stampato la sua corrispondenza elettronica col primario della clinica, che un amico che lavora nel centro di calcolo dell'ospedale mi ha passato!"

D: "Ma veramente... mi sembra una cosa almeno illegale, la mia corrispondenza é privata..."

P: "E ci credo che la vuol tenere privata! Guardi qui, qui ci sono tutte le prove della truffa ai miei danni che ha cercato di ordire! Guardi qui! Legga! 'Ho applicato il trucco che mi avevi consigliato per eliminare il rumore di fondo nelle radiografie e rendere i contorni della massa più definiti, spero che questo basti a convincere il paziente che quella massa esiste davvero...'. Tutta la sua diagnosi é basata su un trucco, lo ammette lei stesso! Ha usato trucchi per convincermi che avevo il cancro! E questa! 'La biopsia é inconclusiva...'. Inconclusiva! Ci rendiamo conto? Lei stesso ammette che la biopsia é inconclusiva!"

D: "Sì, certo, nel senso che non é stata sufficiente per determinare il tipo di cancro che...."

P: "E cosa le ha risposto il suo primario? 'Dopo un mese ancora non sappiamo che tipo di cancro ha questo poveretto. Tutto questo non é scientifico, é una caricatura dell'idea stessa di medicina!'. Non é scienza, non é medicina, lo dice il suo stesso primario! Dove é finita la sua sicumera, adesso, dove sarebbe il suo famoso 'cancro'?" (tossisce, sputa sangue in un fazzoletto)

D: "Ha bisogno di aiuto?"

P: "Non si avvicini! Sto benissimo, io!" (se ne va sbattendo la porta)


Giorno 75 (il funerale)

Amico: "Eh, ha dimostrato un grande coraggio, ha riso in faccia alla malattia fino all'ultimo. Lo sai cosa mi diceva sempre? 'Il cancro, per me, non esiste'. E ha fumato quaranta sigarette al giorno fino all'ultimo. Se solo avesse avuto dei medici competenti, invece di quella bestia che non riusciva a capire cos’aveva…"

11 commenti:

Jack ha detto...

Mi farai star male senza aver avuto diagnosticato un cancro.
E che palle! :(

Marco F ha detto...

P: Lei non mi convincerà mai che sono malato!!
D: Bene, firmi qui che non vuole la cura e se ne vada fuori dai coglioni. Io vado in Norvegia.

Yossarian ha detto...

Euge', il "raccontino morale". o anche "allegoria" mi e' garbato e mi ha fatto scassare dal ridere.

Credo che sia un valido argomento contro chi obietta al metodo scientifico senza nulla sapere di scienza.

Tuttavia, sulla responsabilita' degli scienziati - e non certo della scienza - nel calo di credibilita' riguardo al global warming vorrei risponderti con un post domani.

Non si tratta di una risposta polemica, visto che sul metodo scientifico sai che in me trovi un supporter convinto, bensi' sulle cattive compagnie che certi scienziati frequentano e come queste in ultima analisi distorcano lavori scientifici seri, danneggiando la credibilita' della scienza.

E la colpa, mi dispiace non e' della scienza, ma di questi scienziati.

Ti va se ne parliamo?

:-)


Come diceva un film di Moretti : "No il dibattito no!"

:-)

Knulp ha detto...

bello, appropriato! soprattutto la storia delle e-mail!

Alfredinik ha detto...

ahaha bellssimo! XD

Anonimo ha detto...

Non ti ho capito molto questa volta , cos'è , dobbiamo sostituire la fede in signori con la tonaca nera con la fiducia cieca in tizi con il camice bianco ??

Ormazad

Palmiro Pangloss ha detto...

Risposta sul Blog, bel post

Eugenio Mastroviti ha detto...

@Ormazad: no. Se ritieni che sia necessario avere fede cieca, ti consiglio di restare con i signori in tonaca nera, hanno più esperienza e danno più soddisfazione.

Uriel ha detto...

Divertente, ma ii sembra pero' un paragone forzato.

Innanzitutto, parli di cancro, cioe' di un evento catastrofico. La temperatura terrestre e' stata molto piu' alta di oggi in diverse ere piuttosto rigogliose, e l'era geologica con piu' ossigeno era piuttosto "freddina" anche per i nostri gusti, arrivando i ghiacci quasi sino all'equatore.

Inoltre, il problema e' che una teoria diversa, con due soli "buchi" sperimentali, cioe' due sole incongruenze sperimentali in 400.000 anni, spiega meglio il fenomeno.

Non sei nelle condizioni in cui il medico ha visto i marcatori del cancro, sei nelle condizioni in cul il medico pensa che tu abbia il cancro perche' ne ha sentore.

Il fatto della lettera rubata e' al massimo una prova a fortiori, il vero problema e' che c'e' prova di cambiamenti climatici ma non c'e' mai stata prova di periodi di clima costante, e le misure sulle temperature sono incomplete e quasi tutte relative ad ambienti urbani, o correlate con ambienti urbani secondo logiche perlomeno opinabili.

Anche perche' siamo in un periodo postglaciale. Se non sta iniziando un altro periodo glaciale, mi aspetto che la temperatura salga.

Considero ridurre le immissioni di Co2 come una very good practice, ma a mio avviso il nostro medico sta ipotizzando un cancro mentre il paziente ha evidenti segni di infarto: ci sono inquinamenti da sostanze diverse dal Co2 che sono crescenti, sono piu' pervasivi (vedi i metalli pesanti, rifiuti urbani &co) e piu' devastanti.

Se dovessi spendere i soldi destinati al tuo ipotetico "cancro", li investirei contro l'evidente infarto in corso, mettiamola cosi'.

Uriel

Lugh ha detto...

Grande Eugenio! Naturalmente c'è sempre il solito anonimo (sicuramente il tipico adolescente) che si beve le panzane di Simoncini e compagni di merende. Fingono di avere legittimi dubbi quando poi credono per fede ai soliti minchioni che sparano cazzate controcorrente perché così credono di fare gli "alternativi" e i "grandi rivoluzionari" che lo mettono in culo al sistema

Anonimo ha detto...

Salve Lugh .
Credo di essere " il solito anonimo " .
Ti ringrazio per l' adolescente . Io mi sento giovane come il ns. amato PresDelCons ma la carta d'identità sostiene che sono già negli anta .
Non so chi sia Simoncini , ora vado su google . Di solito non fingo ma ammetto la possibilità di essere un pò "delusional" quanto ritengo di essere più sveglio dei tanti minchioni che circolano per la rete .
Firmato
Ormazad