15 agosto 2007

Piove


Chiov' e'cchiov'
L'priv't vann for'
Appicc'n l'cannel
E mangh'ca disc'n bonaser'

Bonaser' a sign'ri
Mitt' la tav'l ca ven z'zi
E z'zi e zi' N'col
A 'ndruzz'lat ind'o lenzol
U lenzol s'a strazzat
E z'zi a jast'mat

(Piove, e piove
I preti vanno fuori
Accendono le candele
E neanche dicono buonasera

Buonasera a vossignoria
Metti tavola che arriva lo zio
E lo zio, zio Nicola
S'é impigliato nel lenzuolo
Il lenzuolo s'é stracciato
E lo zio ha bestemmiato)

Filastrocca da cantilenare a sera, fra bambini, guardando fuori dalla finestra le prime, attese piogge autunnali dopo la torrida estate della Murgia barese.

Prima metà del XX secolo, trasmessa in rari casi ai nati nella seconda metà ma quasi interamente dimenticata dopo i primi anni '70.

1 commento:

claudio ha detto...

Chiov' e'cchiov'
Chiov' e'cchiov'
Chiov' e'cchiov'
Chiov' e'cchiov'
Chiov' e'cchiov'
Chiov' e'cchiov'
Chiov' e'cchiov'
Chiov' e'cchiov'
Chiov' e'cchiov'
E Claudio a jast'mat

Filastrocca da cantare la sera al ritorno da allenamento in moto durante la torrida estate londinese mentre stendi l'ennesimo paio di jeans bagnati.