03 giugno 2006

Siamo circondati


Il governo inglese sta per approvare una legge che vieta ad esercizi commerciali ed alberghi di respingere i clienti sulla base del loro orientamento sessuale. Una coppia omosessuale non potra' piu', come era successo spesso finora, vedersi negare una stanza matrimoniale in hotel o il diritto di preparare una lista nozze dove gli pare.

Entrambi i miei lettori penseranno che sia un'otima idea: ma solo perche', brutti bastardi, siete entrambi dei fondamentalisti laici. Essi', perche', in una capriola logica degna di un ufologo complottista, Lord Mackay of Clashfern (ex Lord Cancelliere) e sua eminenza il rev. Michael Nazir-Ali, vescovo di Rochester (CoE), protestano per la grave violazione dei diritti umani perpetrata contro i negozianti e albergatori cristiani, che si vedono negato il diritto a guadagnarsi da vivere onestamente seguendo il dettato della propria religione, ossia discriminando chi non si comporta come sta scritto su un certo libro sacro di nomadi del deserto risalente a 5-6000 anni fa.

Il dottor Majid Katme della Islamic Medical Association, poi, osserva che il governo sta discriminando contro le comunita' religiose allo scopo di promuovere l'"uguaglianza" .

Parlavo uno o due giorni fa dell'avanzata dei fondamentalisti e di chi sia il loro vero bersaglio. Il bello di essere un pessimista e' che non si viene mai colti in errore per aver sopravvalutato gli esseri umani.

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Ottima e sacrosanta legge sui diritti umani.
Tuttavia, avendo l'Inghilterra il primato del più alto tasso di povertà minorile, sarebbe bene che la pseudo-sinistra inglese si occupasse anche e più spesso di equità sociale.

Eugenio Mastroviti ha detto...

Secondo me, un blogger puo' dire di essere sulla strada del successo quando gli arriva il primo troll.

Tocca celebrare. Vabbe', avevo gia' da pagar birre mercoledi' sera, mi ritrovo un'altra buona ragione.

<:3)- ha detto...

un primo, piccolo, gradino; per essere "qualcuno" devi prenderti almeno una denuncia.

Anonimo ha detto...

Quando uno non fa i complimenti e non riverisce chi scrive un blog è un troll secondo te?
Quando uno sottolinea quali sono i reali problemi della società inglese è un troll secondo te?
Mi sembra piuttosto superficiale come opinione.
Se invece è quello che pensi realmente,allora sono lieto di essere un provocatore dato che ho colto nel segno una delle innumerevoli contraddizioni della borghesia inglese.

Eugenio Mastroviti ha detto...

"Quando uno non fa i complimenti e non riverisce chi scrive un blog è un troll secondo te?"

Certo che no

"Quando uno sottolinea quali sono i reali problemi della società inglese è un troll secondo te?"

Certo che no

Quando uno scrive "pseudo-sinistra" per tutte le parti della sinistra che non ricevono la sua patente di ortodossia marxista, quando legge l'Euston Manifesto e l'unica cosa che capisce (o che fa finta di capire) e' che la borghesia chiede scusa, quando cerca di minimizzare in ogni modo l'importanza dei diritti umani sventolando la muleta dei "diritti sociali" (per i quali esistono tante di quelle codifiche diverse che, se non si specifica ulteriormente, l'unico risultato puo' essere solo un'interminabile e sterile discussione), senza neanche contare che alla base dei diritti sociali esiste un salario di cittadinanza (che qui esiste, il dole, in Italia no), il diritto alla casa (che qui esiste, in Italia ben poco), il diritto all'istruzione (che qui, con il sistema dei prestiti universitari, e' garantito fino all'universita' almeno quanto in Italia, molto di piu' se contiamo la percentuale di abbandoni); ecco, se uno fa tutte queste affermazioni in maniera apodittica, dando anche prova di capire ben poco al di la' di qualche slogan, tendo a considerarlo un troll - ma devi capire che sitratta dell'ipotesi ottimistica, che nulla dice sulle tue capacita' intellettuali: ho una grande fede negli esseri umani, e finche' esiste un minimo di dubbio, preferisco sempre considerare uno un troll piuttosto che un cretino.

"Mi sembra piuttosto superficiale come opinione."

Anche a me lo sembrerebbe.

Se non ti spiace, ricomincio a non prenderti sul serio, su questo blog c'e' un limite legale di due risposte serie per troll e con te l'ho consumato.

Anonimo ha detto...

Puoi considerarmi come meglio ti aggrada, dal momento che mi scontro quotidianamente all'interno delle Università con chi la pensa diversamente da me. In genere appellativi quali "troll" e "cretino" non fanno parte del mio linguaggio, ma ne capisco l'importanza per chi vive di Forum e Newsgroup.
Capisco anche che parlare di "equità sociale" puo' far paura.
Ad ogni modo ti lascio al tuo piccolo blog con alcune frasi dell'intervento che Pasolini avrebbe dovuto tenere al Congresso del Partito radicale nel '75:

"[...] il nuovo capitalismo non si limiterebbe a cambiare storicamente un tipo d'uomo: ma l'umanità stessa. Va aggiunto che il consumismo può creare dei "rapporti sociali" immodificabili, sia creando, nel caso peggiore, al posto del vecchio clericofascismo un nuovo tecnofascismo (che potrebbe comunque realizzarsi solo a patto di chiamarsi antifascismo), sia, com'è ormai più probabile, creando come contesto alla propria ideologia edonistica un contesto di falsa tolleranza e di falso laicismo: di falsa realizzazione, cioè, dei diritti civili. In ambedue i casi lo spazio per una reale alterità rivoluzionaria verrebbe ristretto all'utopia o al ricordo: riducendo quindi la funzione dei partiti marxisti ad una funzione socialdemocratica, sia pure, dal punto di vista storico, completamente nuova."

Anonimo ha detto...

Ciao, abbiamo lo stesso cognome e magari siamo pure parenti.. mi piacerebbe conoscerti!

dacia ha detto...

Pare che il Labour continui a funzionare malgrado Blair.

Quella che però che non funziona è la regola aurea secondo la quale il credo di ciascuno di noi dovrebbe trovare spazio solo nella sfera privata.

Tutti questi sciamani, di qualsiasi religione siano, dovrebbero fare una settimanella a Blackpool, tra pub e insegne selvagge.

Quello che mi sembra preoccupante è proprio questa volontà di ricondurre a schemi religiosi ogni fatto secolare: se i froci non li vuoi non è necessario dire che lo fai perché sei musulmano o cristiano o ebreo, se sfiguri una donna con l'acido non è necessario dire che lo fai perché sei musulmano o cristiano o ebreo, se impedisci i matrimoni misti non è necessario dire che lo fai perché sei musulmano o cristiano o ebreo, lo fai perché sei un bigotto reazionario di cacca.

Che Manitù li fulmini.

Dacia

Eugenio Mastroviti ha detto...

Dacia,

e' piu' facile essere intollerante se lo fai invocando una superiore autorita' morale. Credo che tutte queste persone non avrebbero il coraggio di fare quello che fanno sotto la propria responsabilita', hanno bisogno di avere un amico grosso alle spalle.

Eugenio

(si', la mia reputazione e' rovinata)

filomeno ha detto...

mmm....accidenti mi riscopro un bastardo fondamentalista laico!! sgrunt ;-)

chissà cosa direbbero questi omofobi se un medico si rifiutasse di curare tutti coloro che non vogliono rendere legali alcune terapie mediche ... e li lasciasse morire! sarebbe quel medico giustificato a non prestare servizio in base ai propri gusti "etici" ?
beh io dubito che in quel caso si richiamerebbero alla libertà personale.


saluti

p.s.
OT, Eugenio, mi sembra che tu sia su posizioni labour giusto?
fai un salto qui (se vuoi):
http://it.groups.yahoo.com/group/socialismo_e_socialdemocrazia/

filomeno ha detto...

il commento ha tagliato la ML, te la riscrivo in due pezzi(basta unirli), ciao


http://it.groups.yahoo.com/group/

socialismo_e_socialdemocrazia/

Eugenio Mastroviti ha detto...

Grazie per la segnalazione, filomeno, mi ci sono iscritto