13 settembre 2008

Femminista?


Non riuscirò mai, temo, a capire il motivo di un certo innamoramento di alcuni progressisti e di altre persone per altri versi razionali per Sarah Palin, una fondamentalista religiosa che fa sembrare Nazinger tollerante, La Russa progressista e la Carfagna colta e intelligente, ma tant'è, la gente è strana.

Tocca però lanciare un appello: almeno risparmiatemi le sbrodolate sul presunto "femminismo" della Palin e dei repubblicani. Mica per altro, a sentire il mio medico esiste una dose giornaliera massima consigliata di antiemetici.

Per la brava signora Palin, a quanto pare, quando una donna viene violentata (e il suo Stato ha il record di violenze sessuali negli USA) deve pagarsi da sè il "rape kit", le medicazioni e gli strumenti forensi per raccogliere prove e tracce - un costo variabile fra i 500 e i 1200 dollari.

La Palin nega di aver avuto parte nella faccenda, ma a quanto pare i dati di bilancio del comune di cui era sindaco la smentiscono.

Ma perchè? Forse perchè il kit contiene una pillola del giorno dopo - che non induce l'aborto ma impedisce il concepimento, quindi se la Palin non fosse troppo stupida/ignorante per capire la differenza, non dovrebbe avere neanche niente in contrario - ma la Palin, mi sa, aveva un QI troppo basso persino per passare il provino da velina, il che spiega come mai come sbocco lavorativo le sia rimasto solo fare la token female cutout shape nel partito repubblicano.

Quindi, fate la cortesia: dite che vi piace la Palin perchè rappresenta, a differenza della Clinton, esattamente ciò che una donna dovrebbe essere - graziosa, obbediente, orgogliosa della propria sottomissione e incommensurabilmente stupida; dite che una donna non si tocca neanche con un fiore e quindi McCain deve vincere perchè sennò, poverina, lei piange; ma non venite a parlare di "successo delle donne" o di femminismo, che fate ridere, questa può piacere al massimo al pensionato fascista che continua a cercare di infestare i commenti - e solo perchè è praticamente l'unica figura pubblica di sesso femminile che non lo fa sentire intellettualmente inferiore.

---

I'll never be able to understand the infatuation of so many progressive commentators and otherwise rational people for Sarah Palin, a fundamentalist nutter who makes Ratzinger look tolerant, Ignazio "fascism wasn't that bad" La Russa progressive and Mara "blowjob" Carfagna intelligent - but never mind.

I'd like to use this blog for a simple appeal: please, i beg you, spare me the gushing praise for Palin's "feminism". There's a limit, my doctor says, to the anti-emetic pills I can pop in a day.

According to Ms. Palin, it appears, when a woman is raped (and her state holds the current US record for sexual assault on women) she, or if she's not in the poorer 20% of the population, her medical insurance, should be charged the full price of the rape kit, between $500 and $1200.

Palin denies any role in the issuing of the new rules, but apparently the budget papers of the town where she mas mayor say otherwise.

Why charge the victims? Perhaps because the kit contains a morning-after pill - which does not induce an abortion but simply prevents conception, so if she werent too stupid/ignorant to understand the difference she would probably have nothing against it; but it looks like Palin's IQ was too low even for a professional beauty queen, which explains why she ended up working as token cutout female shape in the Republican Party.

So, do me a favour: say that you like Palin because, unlike Hillary Clinton she's exactly what a woman should be, cute, obedient, proud of her submission, unbearably stupid; say that women should be protected so let's vote for McCain, otherwise we'd make her cry, the poor thing; but don't give me any more bullshit about "women's triumph" and feminism, it's getting more and more ridiculous.

14 commenti:

Palmiro Pangloss ha detto...

Curioso come le donne di successo in politica non siano mai quella giusta.

rosalux ha detto...

Eppure ci sono donne che non potendo votare la Clinton, voteranno il duo Palin Mc Cain: devono avere la stessa struttura mentale di quelli che hanno scommesso sulla fine del mondo.

Anonimo ha detto...

" obbediente, orgogliosa della propria sottomissione e incommensurabilmente stupida;"
Non capisco . Dove vedi l' obbedienza , la sottomissione e la stupidità ?
Ormazad

Eugenio Mastroviti ha detto...

@Ormazad:

Stupidità: è una fondamentalista religiosa nel 21mo secolo. È stupida per definizione.

Obbedienza e sottomissione: le sue posizioni sul ruolo della donna nella società, sul lavoro delle donne, sulla libertà di scelta, sull'educazione sessuale, sulla contraccezione.

Eugenio Mastroviti ha detto...

@rosalux: non che voglia giustificarle (ahem), e del resto non so esattamente di che numeri stiamo parlando; ma uomo oo donna, anch'io sentirei un po' di astio nei confronti della macchina elettorale di Obama, che ha continuato ad attaccare la Clinton ("La Clinton sul podio? No, le pulizie sono state già fatte") durante tutta la convention.

Anonimo ha detto...

Sostenere che chi la pensa diversamente è stupido e sottomesso serve solo a scatenare una guerra d' insulti .
Per me è stupido essere un fondamentalista ateo nell' europa dal 21mo secolo . Aggiunge qualcosa alla discussione ??

Uno dei limiti che vedo nella Palin è che è una candidatura di cortissimo respiro che serve solo a battere Obama . Avesse ottenuto la nomination Hillary Clinton la Palin sarebbe in Alaska a sparare ai caribou .
Ormazad

Eugenio Mastroviti ha detto...

@Ormazad: non ho mai sostenuto che chi la pensa genericamente in maniera diversa da me sia un cretino. Sto sostenendo che gli integralisti religiosi, oggi, sono (se in buona fede) dei cretini. C'è differenza.

Alla stessa maniera, non ritengo che chi la pensa diversamente da me sia genericamente obbediente al potere e sottomesso. Ritengo più semplicemente che una donna che predica l'obbedienza e la sottomissione delle donne sia ancora, se in buona fede, obbediente e sottomessa.

rosalux ha detto...

eugenio:
"La Clinton sul podio? No, le pulizie sono state già fatte"

rosalux:
fonti?

a me è parso che tra i due chi attaccasse con più virulenza fosse lei, e non ho mai sentito niente di politicamente scorretto nei confronti della Clinton.

Yossarian ha detto...

Mi auguro che il messaggio che 'alcuni progressisti' (fra i quali Camille Paglia sul Sunday Times di ieri. Camille, cambia pusher perche' quella roba ti fa davvero male) stanno cercando di lanciare sia un messaggio progressista e politicamente corretto: 'Tutti hanno diritto di essere dei minus habens'. Se cosi' fosse, per la prima volta in vita mia, evviva il politicamente corretto.
Scherzi a parte, se metto su un piatto della bilancia l'attuale situazione economica e politica internazionale e sull'altro i tre candidati alle presidenziali USA, cominciano a tremarmi le vene dei polsi. Fino a qualche mese fa pensavo che perfino Fabrizio Corona alla Casa Bianca potesse essere meglio di Dubya Bush, ma ora, bah....mi sono fatto trascinare da Sant'Obama, ma comincio ad avere l'impressione che con l'uscita di scena della Clinton gli americani si siano bruciati un ottimo presidente. E dio solo sa se ne hanno (e ne abbiamo) bisogno

Anonimo ha detto...

ovviamente i candidati sono due...e non tre. Scusassero, lapsus da presidenziali USA


Yossarian

Anonimo ha detto...

Mi sono spiegato male .
La Palin in sintesi è : antiabortista , proarmi , antiecologista .
Non vedo come da questo si capisca che è obbediente e sottomessa .
Ormazad

Eugenio Mastroviti ha detto...

@Rosalux: il commento l'ho letto sul Guardian al tempo della convention - e il Guardian seppure non schierato non ha mai simpatizzato particolarmente per la Clinton. In ogni caso che gli attacchi siano andati avanti anche dopo la nomination vera e propria (vedi Hitchens, per dire) non è certo un mistero.

Eugenio Mastroviti ha detto...

@Ormazad: la sintesi forse è un po' troppo sintetica. I valori della "famiglia tradizionale" che la Palin difende sappiamo tutti quali sono (le altre donne zitte e a casa a far figli e cucinare); la sua opposizione al Plan B per le donne violentate è agli atti; vuole estendere a tutto il Paese un'interpretazione letterale della seconda religione più patriarcale del mondo.

Quale che sia il suo stato personale, difende e propugna una posizione obbediente e sottomessa per le donne, che, poi, è quello che piace ai repubblicani e a molti democratici che non sopportavano la Clinton.

Eugenio Mastroviti ha detto...

Ah, e a proposito del fatto che è un'oca:

"Che esperienza ha di politica internazionale?"

"In una giornata limpida, da casa mia si vede la costa della Russia"