15 maggio 2008

L'evoluzione non è un pranzo di gala


Niccolò e il suo amico cinghiale mannaro commentano con sdegno e scandalo un grave fatto di cronaca.

Io mi limito a salutare l'evento come una rivincita dell'evoluzione. Sarà che mi sono svegliato un po' più cinico del solito, ma ho la sempre più forte impressione che la società moderna dedichi di gran lunga troppe risorse al disperato tentativo di proteggere gli idioti (e, quel che è peggio, il loro genoma) da sè stessi, e su un pianeta in cui siamo sei miliardi questo è un lusso che non possiamo più permetterci.

I genitori di quella povera ragazza non sono, mi pare, due cavernicoli vestiti di pelli di criceto e armati di clava: sono due cittadini italiani dotati di televisore, acquirenti di giornali, regolarmente scolarizzati. Sono, in altre parole, due idioti che hanno deciso un bel giorno di credere che la realtà sia democratica e rispettosa dei diritti, che mettendo su un piatto della bilancia la sperimentazione, i test in doppio cieco, la biochimica, tutto il fottuto progresso scientifico da Galileo a oggi, e sull'altro il fatto che un sacco di gente ci crede, all'omeopatia, e sarebbe tanto bello che fosse vero, e che mia figlia ha il diritto inalienabile di guarire dal diabete e la natura questo diritto lo deve rispettare, la bilancia pende dal lato dell'omeopatia perchè io preferisco così.

Una lunga serie di accadimenti e di spunti di dibattito mi stanno convincendo che l'approccio socialista (proteggere anche gli idioti da sè stessi) a questo tipo di problema sia sbagliato. In particolare l'articolo di Francis Sedgemore (secondo link) dimostra come, anche dotati delle migliori intenzioni, non si possa che far danno e fornire scuse agli idioti quando si cerca di spiegar loro qualcosa: la tesi di Sedgemore è che la colpa del fiasco-Wakefield non sia dei giornalisti, che, poverini, si sono limitati a strombazzare ai quattro venti, senza alcuna verifica, le conclusioni di Wakefield sulla vaccinazione trivalente, conclusioni sbagliate derivate da esperimenti fallaci condotti con metodi discutibili; la colpa, spiega Sedgemore, è degli scienziati, che si sono scagliati come un sol uomo contro Wakefield, facendo immediatamente sospettare un cover-up ai giornalisti che, poveri, non hanno avuto altra scelta se non prendere le difese di Wakefield e propagandare ad nauseam la sua fuffa.

La risposta non può essere quella, dunque, di imporre a tutti ciò che è meglio per loro, nè in generale di proteggere gli imbecilli da sè stessi. L'alternativa può essere solo quella di lasciare che l'evoluzione segua il suo corso. Una scelta dolorosa, lo so, ma laddove l'unica vittima di questa scelta è, appunto, l'imbecille, è anche la scelta evolutivamente (ed economicamente) più pagante. Se l'NHS passa sia chemioterapici che bottigliette d'acqua caricate energeticamente attraverso un mistico procedimento iniziatico denominato "aprire il rubinetto", più gente sceglie l'acqua energizzitificata, più soldi rimangono per comprare i chemioterapici per chi a) ne ha bisogno e b) ha abbastanza cervello da usarli. Poi, vabbe', io sono un estremista e curerei le infezioni batteriche dei creazionisti con gli antibiotici del 1945 - tanto, i batteri mica si evolvono, ma quello è un altro discorso. In sostanza, credo che i benefici della medicina moderna dovrebbero essere riservati esclusivamente a coloro che sono abbastanza intelligenti da servirsene. Credo che tutti dovrebbero avere accesso alle informazioni relative all'omeopatia e alla medicina vera (chiamarla medicina "tradizionale" fa pensare che anche l'omeopatia sia una medicina, magari più nuova), ma che poi tutti dovrebbero avere libera scelta su come curarsi, come vaccinare (o meno) i loro figli. Allo stesso modo, non mi dispiacerebbe vedere un sistema scolastico improntato all'assoluta libertà di scelta. Io voglio che mio figlio vada in una scuola in cui imparerà chimica, biologia, fisica, matematica, letteratura (italiana e inglese, se possibile), storia, filosofia, e che i figli dei miei vicini vadano invece, naturalmente per libera scelta dei genitori, in una scuola in cui non impareranno niente di tutto questo perchè la scienza è brutta/moderna/fa male/rovina il karma/offende una rappresentazione antropomorfica a scelta, studieranno solo autori non-degenerati secondo i criteri morali del particolare amico immaginario dei loro consiglieri spirituali, useranno la Bibbia o il Corano come testo di storia.

Alla fine, salvare gli idioti da sè stessi costa troppo. L'unica cosa che possiamo fare è metterli davanti a due porte, una delle quali ha la scritta "vita normale" e l'altra "colossale inculata" e smetterla di piangerci addosso quando cominciano a picchiarsi per il privilegio di scegliere la seconda.


24 commenti:

Niccolò ha detto...

Piu' che sdegno e scandalo, con un chilo di lulz - e' vero, la spontanea autocombustione degli idioti e' auspicabile.

restodelmondo ha detto...

Pare che la santona non fosse omeopatica ma Steineriana. Se ne parla in dettaglio da http://paniscus.splinder.com

restodelmondo ha detto...

(Comunque, il problema del tuo approccio è che lasci che le colpe dei padri ricadano sui figli - a meno di non dare sempre e solo al paziente l'ultima parola, anche se il paziente ha cinque anni.)

Eugenio Mastroviti ha detto...

@restodelmondo: perchè parli di colpe? È una questione di semplice evoluzione e selezione naturale - la quale, per sua stessa natura, agisce su padri e figli

(bellina la nuova foto)

restodelmondo ha detto...

Resta che i genitori son criminali (o stupidi, o tutt'e due) e i figli ci lasciano le penne. Figli che da grandi potrebbero emanciparsi dai santoni dei genitori.

(me l'ha scattata Kekkoz/Giovane Cinefilo)

Eugenio Mastroviti ha detto...

@restodelmondo: ehh... (sospiro) come da titolo, l'evoluzione non è un pranzo di gala.

Fuor di battute ciniche: lo so, e non scherzo quando dico che la santona dovrebbe andare in galera, il medico che l'ha raccomandata pure, però anche i genitori della ragazza dovrebbero fare un mea culpa in eurovisione.

restodelmondo ha detto...

anche i genitori della ragazza dovrebbero fare un mea culpa in eurovisione.

Amen. Ma dovrebbero anche toglier loro la patria potestà, se hanno altri figli.

Eugenio Mastroviti ha detto...

Che poi, tecnicamente, se la poverina era figlia unica i genitori hanno vinto il premio Darwin...

RedGlow ha detto...

Per quanto istintivamente io mi senta tremendamente d'accordo con te, e anzi fornirei agli stupidi molti più sistemi per autodistruggersi, seguo anche un'altra linea di ragionamento.

Mettiamo per un attimo che il nostro obiettivo sia la crescita e il miglioramento di almeno una parte di società che ci interessa ("nostro" di chi? di noi Stato? di noi Europa? di noi Mondo? di noi Ascoltatori di Musica Indocinese? non lo so, però per almeno tre di queste quattro categorie il discorso vale). Allora, la faccenda delle colpe dei genitori che ricadono sui figli ha una sua valenza: i figli saranno il futuro, se permetto che vengano rimpinzati di cretinate o addirittura uccisi, sto garantendo un futuro peggiore rispetto a quello che potrei ottenendo "tamponando" in un qualche modo questi fenomeni.

Insomma, sul lungo andare l'evoluzione è sicuro che vince, ma è un metodo che, per quanto efficientissimo, è per l'appunto molto lento. Inoltre, questo vincere potrebbe implicare la scomparsa della razza in questione, il suo ridimensionamento, o almeno un lungo lungo lungo periodo di danni evitabili.

Anche se poi, tutto sommato, l'estinzione umana non è che sia un concetto con un suono così malvagio, viste le condizioni in cui versiamo, ecco.

Uriel ha detto...

Non sono del tutto d'accordo, Eugenio. I due genitori sono stati consigliati da un medico iscritto all'ordine di andare da una persona che si spacciava per medico iscritto all'ordine.

Io mi rendo conto che "omeopatia" sia una parola che e' facilmente riconoscibile, ma se io ti parlassi di terapie steineriane, o te ne vai a studiare di volta in volta oppure non ce la fai: viene un momento in cui non puoi avere tutte le competenze del mondo e devi fidarti dei titoli. Se il medico che sinora ha seguito tua figlia con successo ti manda da un'altro medico, e le sue cure te le passa pure lo stato, capire che ci sia la fregatura significa solo sapere che cosa significhi medicina steineriana. A quel punto pero' i cialtroni cambieranno nome ogni anno, e tu continuerai a fidarti del tuo medico allopata che te li consiglia...

Potresti cascarci persino tu, se il tuo medico iscritto all'ordine che finora ha curato con perizia e successo ti consiglia uno specialista....

Adesso il problema e' rifilare pene esemplari a tutti, ma sui genitori non infierirei troppo. Non puoi girare con google addosso per tentare di capire ogni cosa uno specialista ti proponga.

Uriel

annarella ha detto...

@Uriel: non piu' di 4 gg fa ho tirato il culo ad una ragazza che, all'urlo San Google testimoni, s'era cercata tutto quello che c'era da cercare a proposito del melanoma che le avevano trovato. Morale, avendo googlato di tutto e di piu', era terrorizzata nonostante la diagnosi piuttosto positiva.
Sara' suggestione, sara' caso ma la mia vicina di casa campagnola ha sempre curato le distorsioni a modo suo ed in maniera egregia. Se c'era una rottura decisamente il pronto soccorso era meglio.
Dubito fortemente che sia questione di evoluzione altrimenti la-release-patcha-le-regression dovrebbe curarsi il raffreddore col napalm.
Qui mi sembra piu' uno di quei casi dove l'irrazionalita' che compare quando hai un parente malato seriamente si sposano alla voglia di qualcuno si sfruttare quell'irrazionalità. Non parliamo tanto di imbecilli quando di ingenui o ignoranti.
Entrambe le cose non sono colpe.
La stessa cosa vale per il vaccino. Non sono d'accordo, trovo che campagne come quella siano fatte per spargere terrore ma penso che la colpa sia di chi quelle campagne conduce prima ancora che di chi ci crede. Chi ha un figlio autustico ha gia' abbastanza disgrazie e di sicuro non mi viene da imputargli di essere irrazionale visto che già non c'e' un cappero di assitenza prevista e si debbono arrangiare.
Stessa cosa per diabetici, alzheimer o tutte le possibili malattie invalidanti. Se ne hai uno in casa, cazzi tuoi e crepa. Per stanchezza, rabbia od altro se qualcuno vuole far uscire il quattrino ci riesce.
Ma non mi sento di far diventare la vittima colpevole e di pigliarla anche per il culo.
Se c'e' un verme schifoso è chi sulle malattie ci specula non chi ha l'ammalato ed è pure da solo a lottare.
Non stiamo parlando di strane sette a base di cristalli ma di gente con malattie serie. Fosse solo questioni di cristalli cazzi loro ma tra il difendere l'idiota ed assistere l'ingenuo di mezzo credo ci sia anche quella cosa che is chiama pietas.

Anonimo ha detto...

Approvo e sottoscrivo Eugenio (si,lo so che questo tu da "festa de noantri" e' fastidioso, ma ci sono cose peggiori nella vita, tipo avere il clown assassino di "It" come sindaco della tua citta'), ma alcune precisazioni ci stanno comode. Ho la sfortuna di avere entrambi i genitori medici, di lavorare per una casa editrice che si occupa di cagate farmaceutiche e di avere come sindaco il clown assassino di "It". Ciodetto (quanto amo "ciodetto", sono un feticista di "ciodetto") passiamo ai fatti. Se era una battuta mi scuso in anticipo, ma i batteri sfortunatamente si evolvono, e prova ne siano i terrificanti superbug MRSA che affliggono le corsie ospedaliere britanniche (ma, lavarsi le mani no?). In secundis, perche' nessuno sembra in grado di spiegare e scrivere a caratteri gotici, che se hai l'emicrania, "forse ma forse", i "fiori di bach" e l'agopuntura possono aiutarti, ma che se ti cucchi la setticemia hai bisogno di dosi da T.Rex di antibiotici?. Nel caso di una ragazzina di 16 anni che "studiava in uno dei migliori istituti superiori di Firenze" morta di diabete perche' le e'stata tolta l'insulina per sostituirla con qualche cagata "biologica" e "naturale" e' presumibile che i genitori non fossero delle scimmie in attesa di un monolito nero che insegnasse loro come lanciare in aria un osso di cervo. Nessuna Wanna Marchi in questo caso.Questa morte non e' esclusivamente riconducibile al sottoprodotto di una sottocultura imperante nella Bible Belt, fra i gretti idioti leghisti di Vigevano e sul sito della Carlucci, ma purtroppo anche alle belle tavolate di "intellettuali" progressisti per i quali un uomo o donna in camice bianco equivalgono a GlaxoSmithKline, l'aids e' un complotto della CIA,e bisogna tutti tornare a morire di vaiolo per diminuire la nostra "carbon footprint" come ci spiega il caro George Monbiot fra una pausa e l'altra della raccolta differenziata nel giardino della sua mansion da Barry Lindon nella campagna dell'Essex e...beh sai gia' cosa voglio dire. Il problema dell'approccio socialista a questo problema, Eugenio, non e'tanto il proteggere gli idioti da se stessi quanto il proteggere noi stessi dai socialisti,o perlomeno da questi socialisti. Parola di socialista.

Yossarian

"Chi e' pazzo puo' chiedere di essere esentato dalle missioni di guerra, ma chi chiede di essere esentato dalle missioni di guerra non e' pazzo" Comma 22

Eugenio Mastroviti ha detto...

@Yossarian

solo un paio di precisazioni. Sì, ovviamente era una battuta: ognuno va curato secondo quel che crede. Se credi che i cristalli curino tutto, ti si cura con i cristalli. Se credi che l'evoluzione non esista, ti si cura come se i batteri non si evolvessero. Vedi qui

In secondo luogo, quando parlavo di approccio socialista non mi riferivo al Guardian o al presente governo (che poi, a chiamarlo socialista ci riusciva giusto il troll fascista che allignava qui), ma semplicemente ad una impostazione ideologica.

@Annarella e Uriel. Fermo restando che mi spiace, umanamente, per i genitori, scusate ma non riesco a solidarizzare. Non posso credere che ci vogliano intelligenza o cultura fuori dal comune per rendersi conto che se per curare il diabete bastassero le vitamine, il diabete semplicemente non esisterebbe più, e non ho bisogno di sapere cosa sia la medicina steineriana per rendermene conto. Senza contare, ragazzi, che basta andare a vedere su Paniscus il tipo di cazzate che sparava il supposto "luminare" per sentire puzza di bruciato.

Comunque qualcuno può confermare che questo era lo specialista che aveva in cura la ragazzina? Perchè mi par di capire che dal tipo ci siano andati loro, senza essere indirizzati dai medici dell'ospedale.

Uriel ha detto...

@Eugenio: finche' si tratta del diabete, sono d'accordo, tutti sappiamo che ci voglia l'insulina.

Il problema viene con tutte lealtre malattie: se la tua cattedrale della medicina confina col bazaar della fuffa perche' c'e' un medico iscritto all'ordine che consiglia medici fuffa, sei proprio certo che sapresti difenderti? Conosci le cure adatte per ogni possibile malattia?

Va blindata la cattedrale, e' inutile esporre tutti ad un rischio supponendo che ognuno abbia tutte le competenze necessarie , in ogni campo, per essere al sicuro .

Uriel

Anonimo ha detto...

Uriel: io non direi che è solo inutile, è anche sbagliato. Voglio dire, lo stato prevede una laurea e un'iscrizione all'albo dei medici, per esercitare la professione. Ciò serve a garantire che chi ti visita ne sappia abbastanza da prescrivere una cura. In altre parole, serve a garantire il diritto alle migliori cure possibili.
Pretendere da un malato un'abilitazione ad autocurarsi (che è poi quello, ciò di cui si parla, mi pare) è una violazione di un diritto fondamentale garantito dallo stato. Posso anche essere d'accordo che non è stato scolpito nella pietra, questo diritto, ma sospetto che neppure Reagan nei suoi sogni più rosei abbia immaginato una società dove gli ignoranti muoiono e i Wasp ammanicati sopravvivono.
Senza contare che mi pare si stia accusando una ragazzina di sedici anni di esercizio abusivo della professione medica su se stessa, con l'aggravante di tare genetiche nei genitori.
Boh.
Non so che dire.
Certo è che "sinistra" sta diventando una strana parola, ecco...

Danilo

Eugenio Mastroviti ha detto...

Risposta comune per Uriel e Danilo:

Non so se sia utile o inutile, produttivo o controproducente far correre a tutti il rischio di curarsi con la fuffa (e fra parentesi, vorrei far notare che il tono del post era almeno in parte provocatorio: anche dando per buone le premesse morali, lo so da me che l'intelligenza non è ereditaria). So però che blindare la cattedrale è impossibile, perchè c'è troppa gente che crede che la realtà sia democratica, che ritiene che la discriminante fra una cura "accettabile nella cattedrale" e una no non sia se funziona o no, ma quanta gente ci crede, e alla fine queste decisioni non vengono prese, di nuovo, da un comitato scientifico ma sono il frutto di una lunga trattativa fra chi le cose le sa, chi si picca di saperle, chi ha interesse a che si sappiano quelle sbagliate, un enorme gregge di pecore e un gruppo di persone il cui benessere economico e potere personale dipendono dal favore delle suddette pecore.

Blindare la cattedrale sarebbe la soluzione ideale in un mondo ideale, ma semplicemente non può succedere.

Questo vale anche come risposta ad un commento di Danilo ad un post precedente: certo, la soluzione che tutti desideriamo è di portare aiuti ai poveracci investiti dal tifone; ma la mia domanda è, una volta che portare aiuto diventa impossibile, è il caso di sprecare risorse continuando a provarci? (lo so, secondo te sì)

Oh, e vorrei precisare che non si accusava la ragazzina di aver esercitato la professione medica su sè stessa; si accusavano i genitori di aver attivamente contribuito ad ammazzarla, tutto qui. C'è differenza.

Anonimo ha detto...

Buon per te, se sai che l'intelligenza non è ereditaria. Pensa che io non so neppure cos'è.:-)

Per il resto, andando per argomenti...

Io non sono ancora convinto che, nonostante tutta la demagogia corrente, noi si sia in una democrazia diretta. E se siamo, come credo, in una democrazia rappresentativa, allora non c'è la necessità immediata (intendo fuor di campagna elettorale) di dire e fare _solo_ ciò che piace alla maggioranza.

Poi, se portare aiuto fosse effettivamente impossibile, no, non sprecherei risorse nel provarci. Ma vedi, quello che ti dice di fargli un pompino non è la stessa persona che ha la gamba rotta. Magari una mediazione è possibile. E magari l'analogia non era del tutto corretta.

In ultimo: "Io mi limito a salutare l'evento come una rivincita dell'evoluzione". Saluti la morte di una ragazzina? Saluti l'ignoranza, la coglionaggine dei genitori? Saluti l'inefficenza di uno stato che in funzione degli introiti dell'iva passa le "medicine alternative" come, beh, male non fanno?
Sinceramente, due parole due, sia pure nel mezzo delle altre argomentazioni, per notare il fatto che la vittima _non c'entra un cazzo_ con la sua morte, invece che farla passare per, uh, cit. "geni scadenti", non ci sarebbero state male.

Vabbè, delle volte mi incazzo un po'...

Danilo

Anonimo ha detto...

caro fratello,

a proposito di selezione....

hai pensato che il cattolico "una trombata, un figlio" sia esattamente in linea con quel che dici sull' estinzione(dei laici)?

;-)

filomeno in versione don

Anonimo ha detto...

Annarella: scusa. L'avevi detto tu in una parola sola, avrei dovuto semplicemente quotarti: pietas.
Se la sinistra non è questo, è destra :-)

Danilo

falecius ha detto...

Concordo con Danilo nell'ultimo commento... E noto di sfuggita, in questo covo di infedeli :) che "pietas" è concetto originariamente religioso.

Uriel ha detto...

So però che blindare la cattedrale è impossibile
----

Certo che e' possibile ,ordini e leggi servono a quello.

Uriel

Eugenio Mastroviti ha detto...

"So però che blindare la cattedrale è impossibile
----

Certo che e' possibile ,ordini e leggi servono a quello."

In realtà i fatti (medicine "complementari" passate dalla sanità pubblica, in Uk come in diverse regioni italiane) provano che è impossibile, per un semplice motivo: gli idioti votano, e le leggi non le fanno gli architetti della cattedrale ma gli elettori e i loro rappresentanti.

Uriel ha detto...

gli idioti votano
----

Si', ma non capiscono un cazzo di leggi. Mica lo devono sapere, dico, che cosa dicano le leggi.Leo Strauss docet.

Uriel

Marcello ha detto...

Sulla questione specifica concordo in principio ma credo sia il caso sbagliato: da che ho letto la ragazza insisteva per curarsi con l' insulina ed i genitori l'hanno ostacolata: come previsto da Cipolla i cretini han danneggiato un terzo per averne un danno.
Quanto alla libertà di cura e dintorni, in generale sono contro il paternalismo, ma nella sanità ho qualche dubbio, visto che chi non si cura contagia e che è molto difficile valutare cio che acquista.Se poi la gestisce lo stato è giusto che metta i paletti.